lunedì 16 aprile 2018

Il Monte Corvo per la Valle Crivellaro

Uscita impegnativa e notevole, come ambiente, come sviluppo complessivo e come ripidità della sciata, probabilmente al limite del BS. 
Il percorso è spettacolare nella varietà di ambienti che attraversa ed è molto meno frequentato - nonostante la vicinanza degli impianti - rispetto ad altri itinerari dello stesso gruppo montuoso.
Se gli impianti di di Prato Selva sono chiusi si sommano poco più di 1.500 metri di dislivello in totale.
La salita, vista l'esposizione a nord, è in genere in condizioni sino a primavera inoltrata; in inverno l'alto rischio di valanghe sconsiglia la frequentazione della valle.

Accesso: Prato Selva (TE)
Tempo di percorrenza: 7 ore
Dislivello: 1.500 metri
Difficoltà: BS (secondo alcuni anche OS)
Valutazione: ****

lunedì 9 aprile 2018

Gran Sasso, il Vallone dei Ginepri

Uscita stupenda e veramente notevole, sia per il magnifico e selvaggio ambiente in cui si svolge, sia per la lunghissima sciata che si riesce a guadagnare con un dislivello tutto sommato contenuto.
Unendo al Vallone dei Ginepri anche la vetta del Corno Grande ed il Ghiacciaio del Calderone si realizza un itinerario di grande interesse e una sciata sicuramente tra le migliori di questo genere!
E'consigliabile percorrere il Vallone dei Ginepri solo con neve primaverile o comunque ben assestata, essendo il versante notevolmente valangoso.

Accesso: Prati di Tivo (TE)
Tempo di percorrenza: 4 ore scendendo solo il Vallone dei Ginepri, 6 ore salendo in vetta 
Dislivello: 650 m. per il solo Vallone dei Ginepri, 1000 m. se si abbina anche la vetta
Difficoltà: BSA
Valutazione: *****

sabato 7 aprile 2018

Monte Bove Sud, Canale Y

Classica salita della Val di Bove, anche se meno ripetuta del vicino Canale Primavera, forse perchè più difficile trovare il salto ghiacciato in condizioni ottimali.
Poco più impegnativo del Canale Primavera, il Canale Y si forma a fine inverno/inizio primavera, quando il rialzo delle temperature consente la formazione di ghiaccio di fusione sui versanti nord.
Occorre sempre fare attenzione alle condizioni dell'uscita del canale, sempre orlate di grosse cornici incombenti; per lo stesso motivo è buona norma attaccare presto, prima che il sole scaldi troppo le cornici stesse.
Nel complesso salita molto piacevole ed appagante, di medio impegno tecnico e - se in buone condizioni - davvero divertente.

Accesso: Frontignano di Ussita, piazzale Hotel Felycita
Tempo di percorrenza: 2.30 ore (in giornata favorevole e salendo slegato), contare in genere 4/5 ore
Dislivello: 900 metri circa
Difficoltà: AD+/D-
Valutazione: ****

domenica 11 marzo 2018

Monte Camicia, il Paginone

Bellissima e classica sciata in una delle grandi montagne dell'Appennino. Tanto è inaccessibile e orrida la parete nord del Monte Camicia, tanto è piacevole sciare sul dolce versante sud di questo massiccio. 
Gli scorci che la salita regala sono eccezionali e la sciata è lunga e piacevole.
Il percorso, come lo abbiamo seguito nella nostra uscita, ha uno sviluppo di circa 1.000 metri di dislivello, con una monotona sezione iniziale in falsopiano. 
Un'alternativa che consente di risparmiare dislivello è salire per il vicino Vallone di Vradda (dal quale ovviamente si può anche scendere), le cui condizioni però devono essere opportunamente valutate.

Accesso: Piana di Campo Imperatore, Ristoro Mucciante (AQ)
Tempo di percorrenza: 5/6 ore totali
Dislivello: 1.000 metri
Difficoltà: BS
Valutazione: ***

domenica 6 agosto 2017

Corno Grande, Spigolo Sud-Est

Via dalle difficoltà contenute ma in ambiente bellissimo e tra i più suggestivi dell'appennino.
L'ambiente isolato, la necessità di cercare bene il tracciato e di integrare spesso le protezioni presenti, la rendono una bellissima salita di stampo alpinistico, anche se abbordabile anche per un quartogradista.
Per una ripetizione portare tutta la n.d.a., consigliato un assortimento di cordini e fettucce per le soste e per allungare le protezioni. Le soste presenti sono generalmente buone.

Accesso: Campo Imperatore (AQ)
Dislivello: 300 metri circa di sviluppo
Tempo di percorrenza: 3 ore la via
Difficoltà: IV+/V
Valutazione: ****

domenica 30 luglio 2017

Palù Orientale, Via Kuffner

Via tecnicamente più facile della vicina Zippert ma comunque molto impegnativa, sia per la lunghezza dell'itinerario sia per l'ambiente in cui si svolge.
Lunga cavalcata di cresta, mai banale, con lungo rientro reso a tratti insidioso da grandi crepacciate, sicuramente consigliata!

Accesso: Rif. Diavolezza
Tempo di percorrenza: 10 ore
Dislivello: 1.100 m in totale
Difficoltà: D
Valutazione: ***


martedì 13 giugno 2017

La traversata delle tre vette del Corno Grande

Salita storica, articolata, panoramica, grandiosa e - nonostante le basse difficoltà tecniche - abbastanza impegnativa.
La traversata delle tre vette porta a raggiungere la più alta elevazione del Corno Grande passando per la Vetta Orientale, la Centrale ed il Torrione Cambi, in ambiente sempre grandioso che richiede passo fermo e buon orientamento.
La via può essere percorsa sia partendo dalla Vetta Occidentale sia partendo dalla Orientale, ma è la seconda opzione ad essere preferibile per logicità.
Nel corso della traversata, anche a stagione inoltrata, potrebbero risultare necessari i ramponi, oltre che - ovviamente - una dotazione di qualche rinvio, cordini, friends medi e materiale per le doppie.
Una corda da 60 metri è sufficiente per l'intero itinerario.

Accesso: Prati di Tivo (TE)
Tempo di percorrenza: 9 ore dal Rif. Franchetti, 6 ore e 30 dalla Vetta Orientale alla Occidentale
Dislivello: 600 metri
Difficoltà: AD (pass. II, III)
Valutazione: *****